Tiziano Ferro assolto: non è un evasore fiscale

0
11

Il tribunale di Latina ha assolto Tiziano Ferro in quanto “il fatto non sussiste”.

“Il fatto non sussiste”: così il Tribunale di Latina ha assolto Tiziano Ferro, che era stato accusato di evasione fiscale. Il popolare cantante, che ha da poco firmato un duetto insieme a Fabri Fibra, ha espresso le sue sensazioni attraverso i social.

Ecco le parole del suo post pubblicato ieri sulla sua pagina Facebook: “Sono sempre stato zitto. Sopportando in silenzio i giudizi e le offese di sciacalli e avvoltoi che mi si scagliavano contro, senza neanche chiedersi davvero quale fosse la verità. Ho avuto la fortuna di potermi difendere, al contrario di tante persone che sono state perseguitate fino a crollare. Il mio pensiero va a loro.  Questa però la dedico a chi mi è stato accanto. Tiziano“.

Tutto era iniziato nell’estate 2009, quando Tiziano Ferro aveva deciso di trasferire la sua residenza a Manchester. Questo cambio di residenza aveva manifestato i sospetti del Fisco italiano, tanto che nel 2011 – in seguito a dei controlli – era stata formulata l’accusa di evasione fiscale di oltre tre milioni di euro.

Il cantante era stato preso di mira anche da J-Ax e Fedez, che in una strofa di “Comunisti col Rolex” dicono: “Tiziano Ferro si è comprato l’attico di fianco a Fedez / con i soldi risparmiati a cena con il fisco inglese”.

Giulia Bongiorno, il suo avvocato, ha mostrato in aula che la residenza inglese era reale, e ha addirittura fatto notare al giudice i pagamenti della palestra che Tiziano Ferro frequentava  lì. In ultima battuta, ecco la nota diffusa dall’ufficio stampa della star nostrana: “Durante il dibattimento è emerso nitidamente e inequivocabilmente che nel trasferimento fiscale non c’era assolutamente nulla di fittizio e che la condotta di Tiziano Ferro è sempre stata improntata alla massima trasparenza e correttezza. Nessun dubbio è residuato, il giudice ha assolto Tiziano Ferro con la più ampia formula prevista dal codice”.