Salute

Quanto fanno bene i legumi?

I legumi più noti sono: fagiolipisellifavececilenticchiesoialupiniarachidicicerchie, caiani e carrube.
I legumi sono commercializzati sotto diverse forme di conservazione; quelli freschi possono essere reperiti facilmente sui banchi dei prodotti ortofrutticoli in corrispondenza del periodo di raccolta. Ogni specie è a sé stante: fave e piselli sono disponibili a fine primavera, mentre fagioli (in base alla varietà), lenticchie e ceci in estate. Sono disponibili anche legumi conservati in lattine, all’interno delle quali vengono immersi nel corrispettivo liquido di cottura e di governo. Infine, i legumi possono essere conservati a temperatura ambiente in maniera ottimale previa essiccazione; quest’ultimo metodo permette di non utilizzare grosse quantità di sale (NaCl) e mantiene una certa integrità nutrizionale.

Ai legumi in scatola preferire quelli secchi: quelli in scatola sono ottimi per chi ha meno tempo ed esperienza in cucina ma hanno un costo superiore e per il maggiore contenuto di sale si deve fare attenzione a regolare la sapidità del piatto. Per i legumi secchi ci vuole tempo per la preparazione, ma una volta cotti possiamo conservarli in frigorifero per un massimo di tre giorni.

Tra i legumi secchi troviamo: fagioli, ceci e lenticchie, fonti generose di proteine, ferro e sali minerali.

  • Aiutano a controllare il colesterolo: grazie all’azione chelante della lecitina e delle saponine in essi contenute, i legumi riducono in maniera significativa l’assorbimento di colesterolo e trigliceridi da parte dell’intestino, favorendone invece lo smaltimento per via fecale;
  • Sono un potente antiossidante naturale: la ricchezza in flavonoidi e acido fitico conferisce ai legumi notevoli proprietà antiossidanti. Se consumati regolarmente, aiutano pertanto a frenare i processi degenerativi e di invecchiamento causati dai radicali liberi;
  • Favoriscono il senso di sazietà: l’elevata presenza di fibra fa inoltre dei legumi un ottimo alimento saziante. Il basso contenuto lipidico li rende poi validi alleati nelle diete mirate al controllo del peso;
  • Sono una valida alternativa alle proteine animali: a differenza degli altri alimenti del regno vegetale, i legumi si caratterizzano per un buon apporto proteico. Se opportunamente combinati con i cereali, per la complementarietà degli aminoacidi forniscono una composizione paragonabile a quella della carne.
  • Sono indicati per i diabetici: i legumi vantano un basso indice glicemico dovuto alla presenza di zuccheri complessi a lento rilascio che, non venendo assorbiti rapidamente dall’intestino, rallentano la risposta dell’insulina

Related posts

Cosa succede ai polmoni quando smetti di fumare? La risposta è incredibile

Dani

Come funziona la dieta brasiliana?

Francesca Ricci

Che cos’è la mononucleosi?

Francesca Ricci