Salute

Quando mangiare la frutta: prima o dopo i pasti?

La frutta è parte integrante di una dieta sana. Sappiamo bene infatti che il consumo di frutta di stagione è molto consigliato se si vuole stare bene. Ma siamo sicuri di mangiare la frutta nel modo giusto? Quando mangiare la frutta: prima o dopo i pasti?

La frutta

La frutta e le sue mille variate sono da sempre consigliate nell’ambito di un’alimentazione regolare per una dieta sana. Mangiare frutta ci permette di assimilare nutrienti importanti per funzionare al meglio il nostro organismo, come minerali e vitamine, sostanze antiossidanti, fibre benefiche per l’intestino. Noi siamo per lo più abituati a consumare i frutti che di volta in volta la stagione ci offre molto spesso alla fine dei pasti. Non per niente esiste anche il modo di dire “siamo arrivati alla frutta” per dire che siamo arrivati alla fine di qualcosa.

Ma è proprio giusto mangiare la frutta alla fine dei pasti principali? E’ veramente quello il momento migliore della giornata? Quando mangiare la frutta: prima o dopo i pasti?

Quando mangiare la frutta

Quando mangiare la frutta: prima o dopo i pasti? Il dubbio è lecito perché non tutti i momenti della giornata sono indicati per mangiare la frutta. L’ideale sarebbe infatti mangiare frutta a stomaco vuoto quindi a colazione, per favorire al meglio le funzioni del transito intestinale. Anche se siamo abituati a mangiare frutta alla fine dei pasti non è questo il momento migliore perché l’assorbimento di alcune sostanze viene penalizzato.

Per mangiare la frutta sono ideali anche gli spuntini di metà mattinata e di metà pomeriggio. A stomaco vuoto si digerisce bene e con un’assimilazione ottimale di minerali e vitamine. Il fruttosio ci da energia senza aumentare la glicemia, i liquidi ci aiutano a reidratarci.

Come mangiare la frutta

Come mangiare la frutta nel modo giusto? Per ora abbiamo capito che i momenti migliori per assimilarla sono quelli in cui lo stomaco è vuoto quindi la colazione e gli spuntini. Ma esiste anche il modo ideale per mangiare la frutta. Innanzitutto gli alimenti sono da lavare sempre bene sotto un getto di acqua fredda corrente che elimini un’eventuale residuo di terra e la presenza batterica. Dovete sapere poi che le bucce non sono da penalizzare anzi. Nella buccia della frutta si concentrano le maggiori sostanze nutritive quindi via libera a mele, pere, pesche da gustare con la buccia.

La frutta che vogliamo mangiare deve poi essere ben matura e di stagione. Possiamo scegliere se mangiarla così com’è o tagliarla a pezzetti per fare macedonie condite da un po’ di succo di limone ma senza aggiungere lo zucchero. Le porzioni ideali di frutta da consumare in una giornata sono 3 da 150 grammi. Possiamo scegliere anzi, ci fa bene, di consumare il più possibile frutta di stagione mista quindi non sempre gli stessi frutti, per avere così a disposizione più nutrienti.

Related posts

Coronavirus, cosa dicono le curve? Ecco il dettaglio del 24 Marzo 2020

Ago Cirianni

Gravidanza isterica nelle donne: come si presenta?

Federica Polizzotto

Dipendenza da Alcol: come riconoscerla?

Francesca Ricci