Salute

Mangiare melagrana ogni giorno: ciò che accade è pazzesco

L’alimentazione sana è fondamentale per prevenire le malattie e per preservare a lungo le energie. Quando ci si pongono interrogativi in merito ai cibi migliori da mettere nel piatto, è naturale chiedersi quali siano le conseguenze derivanti dal mangiare melagrana ogni giorno. Nelle prossime righe di questo articolo puoi trovare la risposta.

Mangiare melograno tutti i giorni fa male alla salute?

Quando si parla degli effetti sulla salute di chi sceglie di mangiare melagrana ogni giorno, è necessario ricordare che questo frutto può interferire con l’efficacia di alcuni farmaci. In particolare, parliamo degli antidepressivi, di alcuni antipertensivi e di determinati antinfiammatori.

Inoltre, se si mangia tutti i giorni melagrana non biologica, il rischio è quello di avere a che fare con fastidiose intossicazioni. Tra i sintomi di queste ultime troviamo l’insorgenza di mal di testa, una sensazione generale di spossatezza ma anche una forte sonnolenza.

La cosa giusta da fare se si ha intenzione di introdurre la melagrana nella propria dieta è quella di rivolgersi al proprio medico di fiducia. Si tratta di una raccomandazione importante anche per un altro motivo, ossia il fatto che, molto spesso, la melagrana può provocare reazioni allergiche.

Melograno: gli effetti sull’intestino e gli altri benefici

Cosa succede a mangiare melagrana ogni giorno? Al netto delle interazioni sopra ricordate – ancora non totalmente chiarite dalla scienza – la melagrana comporta anche effetti benefici. Ricordiamo infatti che si tratta di un frutto ricco di fibre, nutrienti fondamentali per il benessere intestinale. Includerli nella dieta in quantità adeguate permette di contrastare la stipsi e, di riflesso, di prevenire o risolvere problemi di gonfiore addominale (situazione che, parliamoci chiaro, è tutto tranne che piacevole).

I motivi per cui la melagrana fa bene alla salute non finiscono certo qui! Includere questo frutto nella propria dieta significa anche fare il pieno di vitamina C, portentoso antiossidant nonché alleata preziosa dell’efficienza del sistema immunitario.

Quando si discute della melagrana, si parla spesso del suo ruolo protettivo nei confronti del cuore. A tal proposito, è doveroso ricordare che il frutto della pianta Punica granatum è caratterizzato dalla presenza di potassio, nutriente cruciale quando si tratta di mantenere la regolarità pressoria e di prevenire uno dei principali fattori di rischio per la salute cardiovascolare.

Possibile elisir anti-tumorale – a dirlo è uno studio pubblicato sulle pagine della rivista Translational Oncology che si è concentrato in particolare sugli effetti dell’estratto di melagrana sulle cellule del tumore alla prostata – questo frutto ha un succo che, secondo diverse evidenze scientifiche, ha un’efficacia anticoagulante.

Related posts

Malattie cardiovascolari: gli uomini colpiti più delle donne!

Francesca Ricci

Hai sete dopo la pizza? Ecco il motivo

Dani

Dieta DASH: funziona veramente?

Federico Curcio