Salute e Benessere

Attenzione alla maionese industriale: gli ingredienti dannosi

E’ risaputo che le preparazioni fatte in casa siano più sicure e salutari rispetto a quelle industriali perchè siamo noi a scegliere la qualità delle materie prime e a gestire tutto il procedimento dall’impasto alla cottura ecc… Tuttavia, esiste un caso in cui un alimento sia più sicuro se fatto industrialmente che a casa attraverso una ricetta casalinga. DI che alimento stiamo parlando? Parliamo della maionese. Infatti, dato che viene preparata con uova crude la maionese può essere veicolo di infezione da salmonella, ma i prodotti industriali ne sono esenti, perché subiscono una pastorizzazione motivo per cui vengono considerati, in questo caso, più sicuri.

Tuttavia, il fatto che la maionese industriale sia sicura non significa che sia salutare o genuina, anzi,  molte delle salse maionese che si trovano in commercio contengono materie prime di scarsa qualità.

E allora, come orientarti nella scelta?

Per la scelta migliore della maionese industriale bisogna sempre guardare l’etichetta per essere sicuri degli ingredienti presenti e scegliere quella con ingredienti più naturali possibili. Allora, in primis, bisogna preferire i prodotti che riportino in etichetta il tipo di olio utilizzato (ad esempio, olio di girasole): una generica dicitura olio vegetale non può bastare, anche perché è l’ingrediente contenuto in maggiore quantità.

Altra cosa da controllare è che la maionese sia fatta con uova fresche pastorizzate di categoria A, piuttosto che con delle generiche “uova”.

Per quanto riguarda le sostanze da evitare più di tutte, eccone alcune: coloranti (caroteni E160a), aromi (se non è presente alcuna indicazione aggiuntiva, si tratta di aromi sintetici e per questo sono da evitare), stabilizzanti (come la gomma di xantano), conservanti e antiossidanti. Molto spesso alcune salse di maionese, purtroppo, contengono tutti questi ingredienti pericolosi, quindi fate molta attenzione a leggere le etichette perchè solo queste possono orientarsi sulla scelta migliore per l’acquisto.

Un buon indicatore dell’eventuale presenza di coloranti è proprio il colore della maionese: se ti sembra un giallo troppo intenso, potrebbe darsi che ne contenga. Ricorda anche che una buona maionese è densa e cremosa: se risulta troppo liquida vuol dire che contiene una quantità eccessiva di acqua.

Consigli domestici: se scegli la maionese in barattolo non consumarla mai prendendola direttamente dal barattolo stesso, ad esempio con un grissino, o peggio con un cucchiaino che hai prima messo in bocca: queste azioni, infatti, accelerano il processo di deterioramento del prodotto perchè introducono batteri nell’alimento. La soluzione migliore è acquistare il tubetto, così il prodotto rimane più isolato igienicamente.

Related posts

Lo zucchero fa male? Ecco quanto consumarne al giorno

Beatrice Verga

Come mangiare finocchio per risolvere il meteorismo: ecco il trucco

Beatrice Verga

Se vedi questa spaccatura nell’anguria non mangiarla: ecco come riconoscerla

Dani