Salute

Quale caffè fa meno male? Ecco come sceglierlo

Il caffè: la bevanda più famosa del mondo e uno dei simboli incontrastati dell’italianità nel mondo. Quando lo si nomina, è necessario ricordare che, per alcune persone, la sua assunzione può non essere vantaggiosa per la salute. I motivi sono di diverso tipo e vanno dagli effetti sulla salute del cuore a quelli sul livello di acidità della mucosa gastrica. Chi non vuole rinunciare a un piacere speciale e si chiede quale caffè fa meno male, nelle prossime righe di questo articolo può trovare alcune preziose informazioni.

Meglio il caffè amaro o quello zuccherato?

Quando ci si pongono domande in merito al caffè e ci si chiede quale faccia meno male, un doveroso cenno deve essere dedicata alla distinzione tra caffè amaro e caffè zuccherato. Il secondo, oggettivamente più dolce, può creare, soprattutto se diventa un’abitudine protratta nel corso del tempo, un aggravamento dei problemi di peso.

Diverso è il caso delle persone sane: in questo caso, si può assumere il caffè con lo zucchero più tranquillamente. Attenzione, però: fondamentale è rispettare la dose di tre tazzine al giorno. La moderazione va comunque usata anche in caso di assunzione del caffè decaffeinato. Il motivo è legato al fatto che, per realizzarlo, si ricorre a solventi chimici.

Caffè: qual è la miscela migliore?

Nel momento in cui ci si trova a rispondere alla domanda “Quale caffè fa meno male?”, è naturale chiedersi quale sia la miscela più adatta. In questo frangente, bisogna considerare tre riteri sopra tutti: l’acidità, il sapore e l’aroma. In generale, quando si parla di caffè è necessario considerare che una miscela buona deve essere rotonda e profumata e, soprattutto, non acida (il che rappresenta un grande vantaggio per chi soffre di malattia da reflusso gastroesofageo).

Chiarito questo aspetto, è bene fare presente che, considerando le miscele più famose, ossia l’Arabica e la Robusta, non esiste un’alterrnativa migliore dell’altra. Si tratta, in entrambi i casi, di alternative di ottima qualità.

Entrando nel vivo delle loro caratteristiche, è bene fare presente che, nel caso della miscela Arabica, si ha a che fare con un’alternativa contraddistinta da una dose più bassa di caffeina. Di riflesso, quello con miscela Arabica può trattarsi di un caffè che fa meno male a chi, per esempio, tende a soffrire di insonnia o di ansia. La miscela robusta contiene invece più caffeina e, alla luce di ciò, si contraddistingue per un sapore decisamente più intenso.

Related posts

Il pescespada contiene mercurio? Attenzione alla risposta

Federico Curcio

Cosa succede a chi beve aceto di mele? Ecco la risposta

Federico Curcio

Tutti i rimedi per la tosse secca e grassa!

Francesca Ricci