Salute

La farina di avena davvero non contiene glutine? Leggi attentamente

La farina d’avena è un cibo con molte proprietà nutrizionali. La maggior parte dei celiaci può tollerare l’avena senza particolari problemi tuttavia in alcuni casi si deve prestare una particolare attenzione. Ma è vero che la farina d’avena non contiene glutine? All’interno di questo articolo risponderemo a questa e ad altre domande.

Le proprietà della farina d’avena

La farina d’avena è ricavata da un cereale con importanti proprietà. Si tratta di una farina particolarmente energetica, 40g di farina, contengono 160 calorie. Oltretutto questa farina è ricca di proteine e fibre. Contiene oltretutto più calcio e ferro rispetto alla farina di grano assieme ad altri elementi importanti come magnesio e zinco. In più questa farina ha un basso indice glicemico. Per questo motivo è ideale per chi fa attività sportive.

La farina d’avena contiene glutine?

Il problema principale della farina d’avena è che nonostante non contenga glutine, spesso rischia di venire contaminata dal glutine. La tossicità per i celiaci dipende anche dalla varietà presa in considerazione. Alcune varietà dell’avena sono prive di glutine, altre invece non vengono tollerate dai celiaci. In diversi paesi dell’Europa settentrionale l’avena è da tempo considerata sicura per i celiaci ma in Italia si continua ad essere più cauti al riguardo. Per questo motivo esiste un Registro Nazionale degli alimenti senza glutine redatto dal Ministero della Salute in cui i prodotti a base di farina d’avena in esso presenti devono contenere meno di 20 parti per milione. Per essere totalmente certi che la farina d’avena o i prodotti a base d’avena che si mangiano rispettino queste direttive.

L’avena senza glutine in cucina

In commercio, l’avena si può acquistare sotto forma di chicchi decorticati, di fiocchi, di farina e di crusca.

  • I chicchi decorticati si ottengono eliminando l’ultimo rivestimento fibroso, la crusca. Grazie a questo procedimento, i semi risultano più chiari e in cucina si usano all’interno di minestre, zuppe di verdure e nelle insalate. Prima di essere cucinata, l’avena decorticata deve stare in ammollo per circa 3 ore.
  • I fiocchi di avena si ricavano dopo una cottura a vapore dei chicchi, che vengono poi schiacciati tra due rulli. Generalmente vengono mangiati a colazione aggiunti a una bevanda fredda o calda, come il latte, oppure cotti come base per dolci o per insaporire il pane. l’alimento più noto a base di fiocchi di avena è il porridge, alla base della colazione anglosassone. Più in particolare è una zuppa dolce a base di fiocchi di avena, latte, frutta fresca e secca molto energetica e, di conseguenza, calorica.
  • La farina di avena si ottiene dalla macinatura dei chicchi di questo cereale. Questa farina è ideale per la preparazione di torte e biscotti.
  • La crusca di avena è molto diffusa tra coloro che seguono una dieta dimagrante. Grazie alla sua particolare concentrazione di fibre, contrasta la velocità di assimilazione degli zuccheri, del colesterolo e delle calorie. Ha anche un basso quantitativo di indice glicemico quindi, mangiandola due volte a settimana, riduce la formazione di insulina dopo i pasti. Inoltre, contiene porzioni di fibra molto elevate, agevolando così il transito intestinale.

Related posts

Mangiare il cornetto tutte le mattine fa ingrassare? Ecco la verità

Federico Curcio

Non mangiare miele la sera: può succedere che…

Federico Curcio

Cosa fare con l’aceto di mele: ecco tre modi incredibili per utilizzarlo

Beatrice Verga