Quando mangiare la zucchina con la glicemia alta? Ecco l’incredibile risposta

Le zucchine sono particolarmente apprezzate per la loro alta digeribilità e per le loro proprietà diuretiche, depurative e blandamente lassative. Le zucchine contengono 17 calorie e 3,1 grammi di carboidrati per 100 grammi e sono composte principalmente da acqua (94% del peso). Le zucchine contengono pochi carboidrati e proteine, e per questo sono particolarmente indicate nelle diete ipocaloriche e per i soggetti diabetici.

Cos’è l’indice glicemico?

Quello degli alimenti è la velocità con la quale gli zuccheri di un determinato cibo vengono assorbiti e trasformati in glucosio nel sangue. Questo processo quindi determina l’innalzamento repentino o meno della glicemia dopo ogni pasto. Quello dei dei cibi è collegato ai valori energetici e alla quantità di ogni alimento. Proprio per questo è collegato ai valori energetici e alla quantità di ogni alimento. Inoltre, va tenuto conto anche della varietà di alcuni cibi, del loro grado di maturazione e dell’eventuale cottura. Come ad esempio, la pasta ne ha uno medio, quindi è consigliato fare attenzione alle quantità. Ma le zucchine? Possiamo mangiarle?

Come controllare l’indice glicemico mangiando zucchine

Le zucchine ne hanno uno pari a 15. Sono un alimento con poco contenuto di zuccheri ma possiamo trovare il modo per cucinarle in maniera totalmente “sicura”. I passaggi sono semplici, basta lavare le zucchine e tagliarle a cubetti. Si possono mettere in padella con dell’aglio e del prezzemolo. Le zucchine hanno un contenuto in zuccheri complessi molto basso. Sono una verdura adatta per chi deve mantenere una glicemia bassa.

Le zucchine con basso indice glicemico

Sono numerosi i motivi per i quali sarebbe opportuno consumare maggiormente gli alimenti a basso indice rispetto a quelli con un indice più alto. Il primo e più importante è senza dubbio il controllo della glicemia, indispensabile per evitare picchi glicemici. Il secondo è il controllo del peso corporeo. Benché la maggior parte di ciò che mangiamo con uno alto siano sani e consentiti in qualsiasi regime alimentare, hanno la capacità di aumentare la concentrazione di glicemia nel sangue molto più velocemente. Conoscere quali sono gli alimenti con questo numero meno elevato è sicuramente una buona idea per adoperare scelte più consapevoli nell’organizzazione dei pasti. E quali sono? Quasi tutte le verdure e i legumi, infatti, presentano un IG poco elevato. Allo stesso modo, le fonti proteiche di origine animale sono l’ideale per evitare picchi glicemici. E in più tutti i tipi di pesce, compresi quelli più grassi come il salmone, possono essere consumati senza problemi. Anche la carne bianca come pollo, manzo, coniglio e tacchino presentano un IG non molto elevato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.