Di che animale è la bresaola? Pazzesco, la verità è sconvolgente

La bresaola è probabilmente uno degli insaccati più famosi e indubbiamente riconoscibili del nostro paese, sia per l’aspetto ma anche per essere considerato una delle poche varianti “sane” della categoria, al punto che medici e nutrizionisti la consigliano anche agli sportivi e per chi soffre di alcune patologie specifiche e deve rispettare regimi alimentari piuttosto rigidi.

Prodotto tipico della Valtellina, ossia l’area alpina dell’Italia settentrionale, viene realizzata prevalentemente nelle regioni di Lombardia e Piemonte, presenta un costo sensibilmente maggiore rispetto alla maggior parte degli insaccati, a causa di un tipo di preparazione piuttosto particolare che rendono la bresaola unica nel suo genere.

Di che animale è la bresaola?

La bresaola viene realizzata sopratutto con carni bovine, sopratutto le varianti charolaise e la limousine per quanto riguarda il nostro paese, ma anche la variante zebù, proveniente dall’America del Sud.

La variante più “pregiata”, è quella della Valtellina che gode anche della certificazione IGP, realizzata prevalentemente con la punta di anca dell’animale ma anche la sottofesa e il magatello.

Esistono tuttavia altre varianti realizzate con carni equine oppure con quelle di cervo.

Valori nutrizionali

E’ un salume “non cotto” perchè le carni scelte vengono stipate in un budello e speziate, dopo un lungo periodo in salamoia. Rispetto a quasi tutti gli insaccati gode in un ridottissimo apporto di grassi e colesterolo, nonchè di apporto calorico (che non supera le 150 k/calorie per etto di prodotto), allo stesso tempo è particolarmente ricca di proteine.

In generale si tratta di un prodotto alimentare ricco di nutrienti importanti come sodio, potassio, fosforo e di vitamine, ecco perchè risulta adatta anche a chi segue un regime alimentare povero di calorie. Da tenere d’occhio solo le quantità per chi soffre di pressione alta o per le donne in gravidanza, visto il contenuto di sodio sensibilmente elevato, dovuto alla preparazione stessa della bresaola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.