“Non mangiare questi cibi!”: fanno alzare il colesterolo

0
79
colesterolo alto

Il colesterolo alto rappresenta un problema sempre da tenere d’occhio anche perchè rispetto ad altre patologie diffuse nelle società odierne, appare piuttosto complesso comprendere quando i valori superano la soglia media e quando è opportuno preoccuparsi. I sintomi tipici di chi soffre di colesterolo alto, ossia quando la soglia media oltre i 200 mg/dl possono essere di varia natura ma spesso possono essere fraintesi, senza opportuni esami del sangue oppure la misurazione con appositi strumenti adibiti.


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

Il ruolo dell’alimentazione

Come abbiamo già discusso, con il termine colesterolo si indica una molecola lipidica che è fondamentale per il corpo umano, e viene solitamente distinto in due specifiche varietà ossia il colesterolo “cattivo”, definito LDL, che se in quantità eccessive può mettere a repentaglio il sistema cardiovascolare accumulandosi nel sistema circolatorio, e quello “buono”, definito HDL che invece contribuisce ad smistare presso il fegato i lipidi in eccesso. Trattandosi di una molecola che non si scioglie con l’acqua, è opportuno modificare il proprio stile di vita, alimentazione inclusa, per non incorrere in valori troppo elevati e possibili rischi per l’organismo. Il colesterolo alto è definito ipercolesterolemia.

“Non mangiare questi cibi!”: fanno alzare il colesterolo

Nonostante l’apparente incidenza limitata del cibo su questi valori, che può contribuire fino al 20 % dell’apporto totale di colesterolo dell’organismo, cosa mangiamo determina in modo spesso importante su questo “grasso”. Una dieta sana, con pochi zuccheri raffinati e complesso, oltre ad una regolare attività fisica permette di tenere a bada i livelli di colesterolo LDL.

Ecco i cibi da evitare assolutamente:

  • Carni rosse, evitando sopratutto i tagli particolarmente grassi.
  • Gran parte dei salumi ed insaccati
  • Prodotti da forno di produzione industriale, ossia quelli definibili “raffinati”.
  • Pressochè tutti i dolci, sopratutto quelli di produzione industriale
  • Bevande zuccherine e gassate
  • Alcol in generale
  • Burro e strutto
  • Buona parte dei formaggi, sopratutto quelli stagionati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here