Bere acqua prima di andare a dormire: ecco cosa succede

Elemento assolutamente indispensabile per ogni forma di vita, l’acqua è anche al centro di pressochè ogni regime alimentare, anche perchè il corpo umano è formato da oltre la metà di questa sostnza così fondamentale.

Risulta essere ancora più importante del cibo solido, e ciò è testimoniato dal tempo che il corpo umano può sopravvivere senza bere o mangiare: in mancanza di cibo un adulto può “resistere” anche alcune settimane, ma senza acqua questo limite si riduce a pochi giorni perchè ogni processo metabolico richiede un continuo apporto di acqua per “andare avanti”.

Bere acqua prima di andare a dormire

Introdurre acqua nel corpo in determinati momenti della giornata è parte di numerose culture, sopratutto asiatiche: abbiamo già trattato i vantaggi, seppur non confermati al 100  % in toto, di bere acqua alla “giapponese”, ossia non appena alzati la mattina, a stomaco ancora totalmente vuoto, in una condizione di “torpore” da parte dello stomaco che ancora deve attivarsi.

Un recente studio statunitense, pubblicato sul National Center for Biotechnology Information ha confermato i benefici dell’apporto di acqua anche poco prima di andare a dormire, utilizzando prevalentemente dell’acqua calda, anche se berla direttamente prima di dormire può turbare il naturale ciclo del sonno. Il consiglio è quello di far passare almeno 10-20 minuti e poi addormentarsi.

Ecco cosa succede

Secondo quanto emerso dallo studio, bere almeno un bicchiere di acqua prima di coricarsi favorisce il flusso sanguigno, favorisce l’azione renale ed in generale contribuise a reintegrare parzialmente i liquidi presenti nel corpo, che sono necessari, come detto, per il suo corretto funzionamento. Anche durante il sonno il nostro corpo perde liquidi, sopratutto in estate, ecco perchè la dose media consigliata è di un bicchiere medio prima di dormire, ma la quantità può essere minore o maggiore a seconda delle abitudini del soggetto.

Alternativamente all’acqua pura anche le tisane forniscono i medesimi effetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *