Quale pesce mangiare per il colesterolo? Ecco la risposta

Il pesce è un alimento sano e ha molte proprietà benefiche per l’organismo. Quale tipo di pesce può abbassare il colesterolo in particolare? Il colesterolo alto è uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo del cuore e delle malattie cardiache.Le malattie cardiache sono la principale causa di morte nei paesi occidentali. Tra i fattori che influenzano l’andamento del colesterolo, abbiamo scoperto l’alimentazione. Il modo migliore per abbassare il colesterolo nel sangue è seguire una dieta povera di grassi e queste diete sono di migliore qualità. Mangiare pesce può fornirci questo aiuto, ed è sempre consigliato mangiare più pesce in caso di colesterolo alto. Tuttavia, non tutti i pesci aiutano a ridurre il colesterolo. Mangiare salmone è di gran lunga la migliore opzione anticolesterolo. Questa è la classifica dei migliori pesci da consumare per questo scopo.

  1. salmone;
  2. merluzzo:
  3. tonno
  4. pesce azzurro;

Abbiamo detto che mangiare salmone è in assoluto la migliore scelta anticolesterolo che si possa fare. Il salmone è un pesce ricchissimo di Omega 3 e in cucina si presta molto bene a diverse preparazioni. Anche il merluzzo e il tonno sono ricchi di acidi grassi Omega 3 mentre il pesce azzurro, di cui è pieno il Mar Mediterraneo, è ricco di grassi insaturi. Per pesce azzurro si intendono nello specifico specie come le alici, le sardine, le aringhe, la ricciola, lo sgombro, l’aguglia, la palamita.

Pesci da consumare con moderazione

Pesci da consumare con moderazione sono invece i crostacei come gamberi, scampi o aragoste, che contengono colesterolo ma pochi grassi saturi. All’interno di una dieta equilibrata i crostacei si possono consumare in modo moderato per non far alzare i valori di colesterolo nel sangue.

Pesci da evitare

Inoltre, è bene sapere e ricordare che le uova di tutti i tipi di pesce hanno un enerme contenuto di colesterolo. Mangiare spesso bottarga, caviale, uova di salmone, di aringa o di merluzzo è altamente sconsigliato a chi soffre di colesterolo alto o di ipercolesterolemia.

Conclusioni

In definitiva, ora sappiamo quale pesce può abbassare il colesterolo e quale pesce può essere mangiato con moderazione o dovrebbe essere evitato. Ci teniamo a precisare che queste considerazioni si riferiscono ai prodotti ittici freschi, che sono ovviamente più nutrienti dei prodotti trasformati o surgelati. Certo, gli oneri personali e lavorativi quotidiani non ci consentono di utilizzare sempre cibi freschi in cucina, quindi quando dobbiamo mangiare, spesso lasciamo spazio a prodotti industriali come il tonno in scatola. Tuttavia, quando li scegliamo, dobbiamo renderci conto che non stiamo facendo il massimo per la nostra salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *