Mangiare cime di rapa: ecco cosa succede al vostro indice glicemico

0
102
 cime di rapa

Le cime di rapa costituiscono da moltissimo tempo l’ingrediente principale di svariate ricette gastronomiche native del Mezzogiorno, dove è è coltivata con grande successo (solo la Puglia produce circa un terzo dell’intero raccolto annuale del nostro paese di questo ortaggio).


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

Si utilizza la denominazione cime di rapa e non rapa per evitare confusione con l’altro ortaggio omonimo. Rappresentano una vera e propria istituzione in numerose regioni, oltre alla Puglia, essendo coltivate e raccolte nel Lazio, Basilicata, Calabria e Campania, dove sono chiamati friarielli (erroreamente definiti anche friggiarelli).

Proprietà e valori nutrizionali

Rappresentano l’ingrediente principale delle celeberrime orecchiette con cime di rapa, uno dei piatti tipici della cucina pugliese ma rappresentano anche il connubio perfetto per altri alimenti, sopratutto carne ed altri vegetali.

Come la maggior parte degli ortaggi simili, forniscono una quantità notevole di elementi nutritivi come la vitamina A,  B2 e C oltre a ferro, fosforo e calcio, tra gli altri.

Ciò le rende particolarmente utili in funzione antiossidante, grazie ai luterani, xanthina, polifenoli, flavonoidi, omega 3, acido folico e carotenoidi, mentre i grassi sono quasi assenti e per ogni 100 grammi di prodotto non si superano le 30 calorie, rappresentando quindi un alimento perfetto per regimi ipocalorici.

Ha anche capacità depurative e disintossicarsi anche grazie all’ingente apporto di acqua. Il modo di consumarle ritenuto migliore per massimizzarne gli effetti positivi è tramite una rapida bollitura.

Mangiare cime di rapa: ecco cosa succede al vostro indice glicemico

Introdurre le cime di rapa nella dieta aiuta anche alla pelle ed aiuta a gestire al meglio le funzioni del cuore. Grazie all’apporto di fibre scegliere di mangiarle almeno un paio di volte a settimana aiuta ad abbassare l’indice glicemico. Il colesterolo “cattivo”, ossia quello LDL infatti viene regolarizzato dalle proprietà delle cime di rapa, aiutando anche a gestire la bile, elemento fondamentale per la corretta assimilazione del cibo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here