Quante uova alla settimana si possono mangiare? La risposta è pazzesca

0
80
uova fresche

Studi recenti hanno un po’ confuso le idee dei consumatori in merito a quante uova sia possibile consumare alla settimana: c’è chi dice che si possono mangiare 12 uova a settimana a chi dice che se ne possano consumare solo due a settimana. In questo articolo cercheremo di fare  chiarezza.


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

Ad ogni modo, che siano sode, strapazzate, in camicia, alla coque, le uova sono un alimento nutriente, ricco di proteine nobili associate a grassi (per il 45% saturi, per il resto mono e polinsaturi), sali minerali e vitamine, soprattutto la vitamina A. Eppure, poiché nel tuorlo c’è del colesterolo (circa 300 milligrammi), sono sempre finite sul banco degli imputati ed evitate da coloro che sono a rischio di problemi cardiovascolari.

SÌ O NO? Due ricerche hanno inoltre creato ulteriore confusione tra i consumatori. Nel 2018, uno studio condotto da ricercatori americani sosteneva che il consumo di 12 uova a settimana per un anno non causava un aumento di rischio cardiovascolare. Mentre un anno dopo, in un altro studio si affermava il contrario: si diceva, infatti che anche soltanto tre-quattro uova a settimana provocherebbero un aumento di rischio cardiovascolare dell’8%. Quello che conta è tenere sotto controllo i livelli di colesterolo seguendo una dieta sana ed equilibrata, e praticando una regolare attività fisica – e così si possono mangiare tranquillamente anche tre o quattro uova alla settimana.

LA DIETA MEDITERRANEA. In base alla dieta mediterranea consumare quattro uova a settimana è del tutto accettabile se non auspicabile.

L’UOVO VA LAVATO O NO?  Quando l’uovo che stiamo per rompere è un po’ sporco di terra o di feci, non bisognerebbe mai lavarlo sotto l’acqua del rubinetto perchè l’uovo di gallina può essere veicolo di  agenti patogeni come la salmonella che potrebbero liberarsi in acqua e inquinare le falde acquifere. Inoltre,  lavarlo è un errore perché sul guscio si può formare della condensa che facilita il passaggio dei batteri all’interno. La cosa migliore da fare sarebbe quella di romperlo e cuocerlo, o gettarlo nell’acqua bollente per la coque. Ricordate sempre di lavarvi bene le mani dopo aver toccato un uovo, anche se all’apparenza può sembrare pulito.

Inoltre, fate attenzione a dolci, condimenti e primi piatti che prevedono l’utilizzo di uova crude (come il tiramisù, la maionese o la pasta alla carbonara): è meglio consumare questi cibi subito dopo la preparazione. Naturalmente, soprattutto in questi casi, è meglio acquistare le uova commerciali, che sono soggette a un rigoroso sistema di controlli, e, se potete scegliere, sono sempre preferibili le uova di gallina extra fresche da agricoltura biologica.

IL SUO POSTO IN FRIGO: le uova devono essere riposte nel posto giusto: nel ripiano centrale del frigorifero, dove la temperatura è di circa 4-5 °C , preferibilmente lasciandole chiuse nelle confezioni originali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here