Cosa succede a chi mangia tutti i giorni carne rossa? Ecco la verità

L’alimentazione svolge un ruolo estremamente importante nello stile di vita di qualsiasi individuo, e negli ultimi decenni optare per una dieta sana risulta essere uno dei modi più efficaci per evitare tutta una serie di malattie e problematiche fisiche che possono sensibilmente peggiorare la nostra vita.

Alimenti molto utilizzati e ritenuti “nobili” fino a poche decadi fa come la carne, hanno subito l’ostracismo da parte di una fetta di popolazione più che discreta, a causa dei possibili effetti negativi che possono insorgere quando si esagera con il consumo di questa tipologia di cibo.

Qual è?

Con questo termine si fa riferimento alle carni che si ottengono tramite la macellazione di bovini ed equini, quindi rientrano nella categoria vitello, vitellone, bue, manzo e vacca ma anche le diverse varietà di carni equine anche quella equina come quella di cavallo e puledro, oltre carne ovina e caprina. Solitamente anche la carne suina, quindi quella di maiale e chinghiale viene inserita nella categoria anche se alcuni tagli hanno peculiarità tipiche delle carni bianche, ossia pollame e coniglio.

Il consumo di carne in generale è consigliata sopratutto per i regimi alimentari poveri di ferro e proteine.

Cosa succede a chi mangia tutti i giorni carne rossa? Ecco la verità

La carne rossa è spesso associata ad una serie di problematiche come il colesterolo alto, obesità, cancro ed in generale a problematiche cardiovascolari, anche se in realtà nessuna patologia è causata unicamente dal consumo di carne rossa.

E’ tuttavia certo che chi consumi quantità eccessive di carni rosse possa manifestare una probabilità maggiore di contrarre malattie come la gotta, l’ostioporosi oltre a percepire una sensazione di stanchezza e problemi digestivi, vista l’assenza di fibre.

In generale è meglio limitare il consumo di carne rossa a 2 volte a settimana, al massimo, per quanto riguarda individui sani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.