Cosa succede se mangi le arance con il colesterolo? Ecco la verità

0
75

Le arance apportano esperidina, pectina, magnesio e potassio. L’esperidina combatte il colesterolo cattivo. Magnesio e potassio tengono sotto controllo la pressione. La pectina, che si trova nella parte bianca, alza meno la glicemia.


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

La buccia delle arance fa bene al colesterolo?

Contiene due flavoni polimetossilati come la tangeretina e la nobiletina. Queste due sostanze non influenzano le concentrazioni di colesterolo ‘buono’ (HDL) e non hanno effetti collaterali. Sarebbero da preferire alle statine e ad altri farmaci, che possono danneggiare fegato e muscoli. La tangeretina e la nobiletina abbassano la quantità del 32-40%. Queste due molecole sono anche nel succo ma in concentrazioni molto basse. Se ne dovrebbero bere almeno venti bicchieri al giorno.

Chi soffre di ipertensione può mangiare le arance?

Le arance aiutano a combattere la glicemia alta. Attenzione però a non eccedere nella quantità. Le arance sono ricche di fibre e impiegano più tempo per essere scomposte e digerite. Ciò consente il rilascio lento di zucchero e garantisce che i livelli di zucchero nel sangue rimangano stabili per un lungo periodo di tempo. Bevi il succo con attenzione. Può essere dannoso perché contiene meno fibre. Si raccomanda che il contenuto di carboidrati di ogni pasto non superi i 45-60 grammi. Un’arancia normale contiene circa 15 grammi di carboidrati e una grande può fornire il doppio di carboidrati. Secondo uno studio, due bicchieri di succo d’arancia al giorno possono causare un calo significativo della pressione sanguigna. È sempre bene assicurarsi di non acquistare prodotti industriali. Prepara invece un bicchiere fresco a casa per godere dei maggiori benefici. Per avere un cuore sano, hai bisogno di una dieta equilibrata, meno sodio e più esercizio.

Quali minerali contengono le arance?

Sono composte da carboidrati ed acqua. Sono una buona fonte di fibre. Contengono pochi grassi, sono prive di colesterolo e hanno poche proteine. Sono un’ottima fonte di vitamine, minerali e sostanze antiossidanti. Hanno un basso indice glicemico e possono mangiarle anche i diabetici anche se con molta moderazione. Ecco i minerali che contengono:

  • Ferro
  • Calcio
  • Magnesio
  • Potassio
  • Sodio
  • Fosforo
  • Zinco
  • Rame
  • Manganese

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here