Aceto di mele sui capelli? Pazzesco, ecco perchè devi farlo

Dalla diffusione capillare di internet, favorita da una altrettanto enorme presenza di smartphone e simili, le cure di bellezza hanno trovato grandissimo slancio sopratutto per quanto riguarda quelle alternative, cioè quelle che non necessitano per forza l’utilizzo di cosmetici tradizionali.

Sono invece prodotti non esclusivamente legati al mondo “cosmetico” ad essere spesso utilizzati allo scopo, e tra questi spicca l’aceto di mele, che trova applicazione in numerosi contesti.

Aceto di mele sui capelli

La sua applicazione, una delle tante che “derivano” dalle mele, è infatti condivisa da tutto il mondo: uno degli utilizzi più versatili riguarda la cura dei capelli, aiutandone a mantenerne sia un aspetto curato e sano ma anche apportando vere e proprie proprietà nutritive.

L’aceto di mele infatti è un ottimo rimedio contro la secchezza del cuoio capelluto, riuscendo a ridurre la presenza di prurito e forfora, aiutando anche a prevenire il fenomeno dei capelli secchi, riequilibrando il naturale ph del cuoio capelluto ma senza influenzare in modo negativo lo stesso.

Ecco perchè devi farlo

Spesso viene semplicemente utilizzato diluito con acqua come risciaquo dopo lo shampoo tradizionale: dopo aver riscaquato quest’ultimo con dell’acqua, utilizzare una soluzione di acqua e aceto di mele (3-4 cucchiai in un paio di litri di acqua) sulla cute, lasciandola “riposare” per qualche minuto, rimuovendo il tutto con un risciaquo.

Un effetto antiforfora e per la cute grassa ancora più marcato si può ottenere creando un “impacco” unendo un cucchiaio abbondante di succo di limone, tre di aceto di mele in un litro di acqua: questo mix renderà anche meno “pungente” l’odore tipico dell’aceto.

Un cucchiaino di aceto di mele potrà essere applicato anche alle maschere per capelli appositamente create, così da aumentarne gli effetti benefici: l’importante è non esagerare con la quantità di aceto di mele che se in dosi eccessive, può risultare aggressivo, sopratutto per chi ha la cute particolarmente delicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.