Accelera il metabolismo e regola la glicemia: ecco la tisana della nonna

Infusi e tisane sono utilizzati dagli esseri umani da millenni, in pratica da quando le popolazioni hanno compreso la possibilità di utilizzare diverse forme di vegetali per insaporire l’acqua. Del resto il consumo di qualsiasi tipo di tisana, che sia un infuso, un decotto o un macerato, è presente in praticamente ogni tipo di cultura.

Le tisane hanno spesso assunto un ruolo di grande importanza per numerose culture, ma anche nelle prime forme di medicina. Il ruolo “terapeutico” persiste tutt’oggi e le tisane sono spesso considerate come delle bevande benefiche per stimolare il nostro organismo ma anche per migliorare alcune patologie e condizioni.

Il potere delle tisane

La funzione più comune è quella di stimolare il metabolismo e rilassare l’organismo, ma ad oggi esistono un’infinità di tisane che riescono ad avere effetti anche molto specifici sul corpo umano. Anche una condizione particolarmente diffusa come può essere la glicemia alta, ossia i livelli di glucosio che tendono ad “alzarsi” in maniera più importante rispetto al normale.

Spesso la glicemia è associata al diabete, o meglio alla forma più diffusa tra gli adulti di diabete, la variante di tipo 2.

Accelera il metabolismo e regola la glicemia: ecco la tisana della nonna

Quando devono agire sul benessere dell’organismo, siamo soliti optare per prodotti semplici, senza particolari composizioni ed in molti casi sono le ricette più antiche a dare maggior fiducia.

Tra le tante “tisane della nonna”, spicca quella con i semi di lino, una pianta particolarmente versatile e pregiata, nonchè estremamente “preziosa” fin dai tempi antichi. Il lino infatti ha capacità antiossidanti ed antibatterihe, e oltre a regolarizzare il metabolismo riescono a tenere a bada gli zuccheri del sangue.

Per prepararla è sufficiente un bicchiere d’acqua, 30 grammi di semi di lino in polvere ed un po’ di succo di frutta senza succheri aggiunti, a piacere.

Dopo aver miscelato acqua e semi di lino, la mistura dovrà “riposare” per la notte, il giorno dopo potrà essere utilizzata con l’aggiunta del succo di frutta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.