Cosa succede a chi beve il tè verde con colesterolo e glicemia alta? Ecco la verità

Allo stesso modo, questa stessa pubblicazione evidenzia che è una fonte di:

  • Proteine: 15-20% in peso secco
  • Aminoacidi: 1-4% in peso secco
  • Carboidrati: 5-7% in peso secco
  • Minerali e oligoelementi: 5% in peso secco, come calcio, magnesio, cromo, manganese, ferro, rame, zinco
  • Tracce di lipidi: acidi linoleico e α-linolenico
  • Steroli: stigmasterolo
  • Vitamina B, C e E

 

Una piccola tazza di tè verde al giorno può prevenire vari tipi di malattie cardiovascolari, come accumulo di colesterolo e disturbi circolatori. I suoi antiossidanti, in particolare le catechine, possono ridurre il rischio di coaguli di sangue, ridurre le arterie ostruite e aiutare a prevenire l’accumulo di lipidi nel sangue. Pertanto, il suo consumo è anche correlato alla riduzione del rischio di malattie come malattie cardiache, ictus, trombosi e angina pectoris. I suoi antiossidanti creano una barriera protettiva contro gli effetti dannosi della degradazione cellulare. Stimola anche l’attività dei neuroni. Il tè verde ha il potenziale per prevenire e curare le malattie neurodegenerative, comprese le disfunzioni cognitive e la perdita di memoria. Bere un po’ di tè verde ogni giorno può aiutare a prevenire la calcificazione o la formazione di calcoli renali. Il suo estratto può ridurre la generazione e la dimensione dei depositi di ossalato di calcio.

Il tè verde ha proprietà medicinali supportate dalla ricerca. Tuttavia, non è privo di controindicazioni ed effetti collaterali. Il suo consumo non dovrebbe superare le due tazze al giorno, perché quantità eccessive possono avere effetti negativi come:

  • Mal di testa
  • Nervosismo
  • Diarrea
  • Disordini del sonno
  • Irritabilità
  • Aumento del ritmo cardiaco
  • Vertigini

D’altra parte, se stai assumendo droghe o bevande alcoliche, non dovresti consumarle. Ciò è dovuto al suo contenuto di caffeina, che se combinata con altre sostanze può causare reazioni indesiderate.

I pazienti che soffrono di pressione alta, anemia e malattie dell’apparato digerente dovrebbero evitare di mangiare o mangiare sotto controllo medico. Il consumo responsabile di questo tè ne determina i benefici per la salute. Cerca di non superare le due tazze al giorno e accompagna una dieta sana e varia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.