Attenzione a mangiare formaggio ammuffito: ecco cosa può succedere

0
80
formaggio calcio

Mangiare formaggio ammuffito fa bene o male alla nostra salute? Quali sono le conseguenze per il nostro corpo? Prima di rispondere a questa domanda, è necessario fare una premessa di base. Non tutti i formaggi con muffa dovrebbero essere evitati, poiché in alcuni di questi formaggi la muffa conferisce loro sapore e valore. Ma come si fa a sapere se lo stampo è buono o cattivo?


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

“Muffa buona” o “muffa cattiva”? 

Il formaggio a “muffa blu” è ciò che è noto come formaggio di buona muffa. Questo particolare stampo a strisce blu si trova all’interno del formaggio, e lo troviamo, ad esempio, nel Roquefort e nel Gorgonzola. Si può trovare anche all’esterno – come nel brie e nel camembert – cioè sulla crosta come una sottile patina. Gorgonzola e Roquefort sono detti formaggi erborinati e durante la produzione la cagliata viene trattata con spore di Penicillium per conferire loro il caratteristico colore blu. E nel caso del brie e del camembert, stiamo parlando di formaggi con una splendida crosta, una forma esterna bianca e una pasta morbida.

Ma come identificare la muffa difettosa? In generale, i formaggi freschi sviluppano muffe indesiderabili se conservati in modo improprio. Può essere identificato dal colore che appare in un verde chiaro o in un blu che cambia gradualmente in verde. In questi casi il formaggio non è più commestibile e quindi dannoso per la nostra salute, e si consiglia di scartarlo. In questo caso l’unica cosa positiva è che la presenza di muffe è prova dell’effettiva freschezza del prodotto acquistato e, soprattutto, prova tangibile che il formaggio non è stato trattato chimicamente. I formaggi freschi (come robiola, straccino, ricotta) hanno un alto contenuto di acqua e sono soggetti a muffe, quindi si consiglia di consumarli il prima possibile.

formaggio calcio

Formaggi a “muffa blu”: i benefici e le proprietà del Gorgonzola

Da Joseph Jerome Delaland a Marie-Henry Baylor (Stendhal), da Alessandro Manzoni a Gianni Brera, passando per James Joyce, Giosuè  Carducci, Alberto Moravia, e altri, è Gorgonzola che ha sempre goduto di un posto privilegiato nella letteratura per la sua innumerevoli proprietà benefiche per la nostra salute.

Lo sapevi che, ad esempio, nel medioevo veniva usato per curare problemi gastrointestinali? Quindi c’era già sulla tavola di Carlo Magno. Ma perché è così popolare?

Oltre al suo gusto e odore unici, il Gorgonzola è ricco di magnesio, calcio e potassio, tutti minerali importanti per il nostro organismo. È amico del nostro sistema nervoso perché contiene vitamina B2, vitamina B3, vitamina B6, vitamina B12 e vitamina A. Il Gorgonzola è ricco di fermenti lattici che aiutano le nostre comunità batteriche. Ci sono ovviamente controindicazioni. L’elevata presenza di sale e grassi saturi non lo rende un alimento ideale per chi soffre di colesterolo alto o malattie cardiovascolari. In linea di principio, si raccomanda di non abusare, non più di 30 grammi al giorno è la quantità raccomandata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here