Alghe in acquario: ecco come risolvere in breve tempo

Con il termine acquariofilia si fa riferimento a qualsiasi tipo di allevamento di piante o animali acquatici, spesso associato alla presenza di un acquario “popolato” da qualche forma di creatura appartenente al mondo ittico. Rispetto alla maggior parte degli hobby inerenti al mondo degli animali, quello di prendersi cura di un acquario con tutte le problematiche del caso può regalare un enorme senso di soddisfazione ma anche frustrazione, perchè di fatto bisogna ricreare un ecostistema definito e ciò non è sempre facile.

Alghe in acquario: ecco come risolvere in breve tempo

La presenza di alghe in un acquario rappresenta una sorta di costante per qualsiasi appassionato di acquariofilia, indifferentemente dal tipo di vasca: si tratta di una forma di vita assolutamente indispensabile per la vita sulla terra e la loro presenza in un contesto “artificiale” come può essere un acquario casalingo è da mettere in conto. Anche l’acquario più pulito svilupperà una dose di alghe. Una presenza eccessiva è assolutamente normale nelle prime settimane di “stabilizzazione” dell’acquario, ossia quando l’equilibrio tra le varie forme di vita non è ancora stabilito.

Sono numerosi i fattori che possono causare una presenza massiccia di alghe, uno su tutti l’eccessiva illuminazione, sia artificiale che naturale, trattandosi di forme di vita vegetali troppa luce genera uno sviluppo spesso incontrollato che può essere ridotto diminuendo le luci presenti. Quando si installa un nuovo acquario è consigliabile non tenere illuminata la vasca per più di 6 ore.

Anche quantità eccessive di cibo ma anche di animali può causare un carico biologico più alto del normale e quindi uno squilibrio, ma anche la qualità dell’acqua deve essere tenuta sott’occhio, monitorando sia i fosfati che i nitrati. Consigliabile inoltre cambiare a cadenza regolare l’acqua ma non tutta insieme, quanto piuttosto il 25 a 50% dell’acqua dell’acquario ogni 10 giorni, così da non “scombussolare” l’equilibrio presente nell’ecosistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.