Attenzione a questi cibi: “Contengono troppo lattosio!”

L’intolleranza al lattosio interessa circa il 30-50% della popolazione  e si manifesta dopo l’introduzione di alimenti che contengono lattosio con i seguenti sintomi:

  • Crampi;
  • Diarrea;
  • Dolori addominali;
  • Eruzioni cutanee
  • Gonfiore addominale;
  • Flatulenza;
  • Meteorismo;
  • Nausea;
  • Stipsi;

Inoltre, i gas prodotti dalla fermentazione passando nel sangue vanno ad interagire con tutto l’organismo, compreso il cervello. Possono manifestarsi anche mal di testa, difficoltà di pensiero, intontimento e spossatezza.

L’entità dei sintomi della sindrome da intolleranza varia da soggetto a soggetto e dipende da vari fattori, tra cui:

  • Quantità di enzima lattasi disponibile;
  • Introito alimentare di lattosio;
  • Flora batterica intestinale;
  • Qualità del transito intestinale;
  • Salute psico-fisica generale;
  • Sensibilità viscerale;
  • Velocità di svuotamento gastrico.

Dieta per chi è intollerante al lattosio

Mangiare solo cibi “privi di lattosio” può risolvere rapidamente i problemi gastrointestinali causati da intolleranze, come gonfiore, nausea, gas, crampi e diarrea.

Tuttavia, ad oggi, una dieta che escluda completamente il lattosio è stata consigliata solo per chi soffre di allergie perché favorisce lo sviluppo di carenze di micronutrienti. Infatti, latte e derivati ​​sono una delle principali fonti di calcio, fosforo, colina, vitamina B2, vitamina B12 e vitamina A.

Una dieta equilibrata per le persone intolleranti mira a mantenere la quantità di lattosio introdotto al di sotto della soglia di tolleranza durante il consumo di alimenti che contengono lattosio.

Questo regime elimina gli effetti tossici associati alla fermentazione del lattosio intestinale e ha effetti di disintossicazione, drenaggio e purificazione.

Lattosio negli alimenti

Il lattosio è l’enzima principale del latte e dei suoi derivati, ma alcuni alimenti possono contenere tanto lattosio quanto il latte stesso.

Per aiutarti a seguire una dieta più adatta al tuo livello di intolleranza, abbiamo raccolto i dati nutrizionali relativi al lattosio in vari alimenti e li abbiamo riportati in una tabella.

I dati riportati sono da intendersi come riferimento rapido, ma non possiamo garantirne l’esattezza.

Il contenuto di lattosio negli alimenti varia a seconda della materia prima e del metodo di produzione e possono esserci differenze anche tra i diversi lotti di produzione dello stesso produttore.

Facendo un ulteriore passo avanti, ti mostreremo anche come leggere l’INCI sull’etichetta per identificarlo.

Contenuto di lattosio nei latticini e negli alimenti

La seguente tabella riporta il contenuto di grammi di lattosio in 100 grammi di latticini.

Alimento Lattosio per 100gr
Crema pasticcera con latte intero 5,1 – 5,3
Gelato, frappè al latte 4.5 – 5.5
Latte (intero, scremato, di capra, di asina) 4,5 – 4,8
Yogurt (bianco, alla frutta, da bere) 4,0 – 5,0
Budino di riso 3,8 – 4,2
Crema di formaggio, Ricotta, Fette di formaggio fuso 3,0 – 5,0
Panna (liquida, acida) 2.2 – 3.2
Burro 1 – 1.5
Mozzarella, provola, mascarpone, ricotta, caprino, tomino, crescenza 0.1 – 0.9
Formaggi stagionati, pecorino, parmigiano reggiano, grana padano, asiago, formaggio ragusano 0,1 – 0,3
Latte e latticini senza lattosio <0.1

Perché ridurre il lattosio può far perdere peso alle persone intolleranti

L’intolleranza alimentare può causare una risposta infiammatoria più o meno intensa nell’organismo. Tutto ciò promuoe l’aumento di peso in due modi:

  1. Gli anticorpi prodotti rallentano il metabolismo dei grassi.
  2. L’infiammazione stimola la produzione di insulina e spinge il fegato a convertire i nutrienti in riserve di grasso.

In breve, se sei intollerante al lattosio e mangi cibi con troppo lattosio, il tuo corpo tende ad aumentare di peso.
D’altra parte, l’introduzione di meno lattosio può infiammare l’organismo e migliorare il processo di assimilazione, trasformazione ed eliminazione degli alimenti. Una dieta a basso contenuto di lattosio accelererà il tuo metabolismo, permettendoti di perdere 1-3 kg dal primo mese. La perdita di peso è qualitativa, non quantitativa, cioè non ha nulla a che fare con l’apporto calorico ai pasti. Oltre a perdere peso, noterai un aumento dell’energia mentale e fisica, che è accompagnato da un maggiore senso di benessere e una mente più chiara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.