Cosa succede al cuore se mangiamo troppe verdure: ecco le conseguenze

0
78

Il termine generico “verdure” si riferisce a una varietà di piante utilizzate per l’alimentazione umana, come le verdure, anche se ovviamente non tutti i tipi di alimenti vegetali rientrano nella categoria delle “verdure”, come cereali, legumi, frutta e spezie.


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

A seconda del tipo, le verdure contengono circa il 90% di umidità, sono ricche di fibre e sono una fonte insostituibile di vitamine e sali minerali.

Si consiglia di mangiare 5 frutta e verdura al giorno, ricordarsi di cambiare 5 colori:

  1. bianco (Finocchi e sedano, cavoli bianchi e cavolfiori, aglio bianco e cipolle bianche, porri, rape bianche, scorzonera; pere, mele, banane, pesche bianche),
  2. giallo-arancio (gli agrumi, albicocche, pesche gialle, meloni, alcune varietà di susine e prugne, mais, peperoni, carote, zucca),
  3. blu-viola (Mirtilli, uva nera, fichi, melanzane, radicchio, cavolo rosso, cavolfiore viola),
  4. rosso (Pomodori, peperoni, rapanelli, barbabietole, anguria, ciliegie, fragole, ribes rosso),
  5. verde (insalate a foglia larga e le verdure da cuocere biete, spinaci, catalogna, peperoni, cavolfiore romanesco, zucchine, cetrioli, fichi, uva bianca, tutte le erbe aromatiche).

Secondo le raccomandazioni del Ministero della Salute, la quantità ideale di lattuga è di circa 50 grammi e quella cotta viene aumentata a 250 grammi (pesando prima della cottura) e la quantità ideale di frutta è di circa 200-250 grammi di peso netto . per porzione.

Più di 100 anni fa, il chimico americano Wilbur Olin Atwater e il suo team hanno sviluppato un metodo che è ancora utilizzato oggi per misurare le calorie negli alimenti chiamato Atwater.Il sistema dell’acqua, che funziona “utilizzando in una bomba calorica (una macchina che brucia il cibo ), l’energia prodotta dai vari macronutrienti viene misurata sotto forma di calore;

Apparentemente, Atwater capisce anche che gli esseri umani non possono competere con le bombe calorimetriche, quindi non tutta l’energia del cibo viene assorbita.

Ha poi sviluppato dei coefficienti, che ha attribuito ai diversi alimenti in base alla loro digeribilità, ovvero alla quantità di energia reale che il nostro corpo assorbe dopo l’esposizione al cibo.

Quindi sono le calorie consumate e calcolate attraverso la tabella o le calorie effettivamente assorbite nell’intestino che influiscono sul peso?

Ad esempio, bere succo di frutta è lo stesso che mangiare frutta? Forse no!

Infatti la fibra del frutto, in questa misura, non viene assorbita dall’intestino, ma se bevo un succo di frutta privo di fibra, gli zuccheri in esso contenuti entreranno immediatamente in contatto con le pareti dell’intestino tenue e verranno assorbiti da il Assorbito rapidamente, aumentando la glicemia.

La fibra quindi, presente solo nei vegetali, come frutta, ortaggi, legumi e verdura, non limita soltanto l’assorbimento degli zuccheri semplici, ma anche quello dei grassi e dell’amido.

Quindi non è solo ciò che mangiamo che influisce sul nostro peso, è ciò che il nostro intestino è in grado di assorbire: consumando lo stesso numero di “calorie”, puoi perdere peso con una dieta ricca di fibre perché alcune di quelle calorie sono fibre di assunzione, non può essere utilizzato in questo modo.

Ancora una volta, il lavoro di Novotny et al. ha mostrato che, ad esempio, il consumo di 42 grammi o 84 grammi di mandorle al giorno riduce l’assorbimento calorico totale nella dieta rispettivamente del 5% e del 10%.

Quindi, dalla biochimica sappiamo che 1 grammo di proteine ​​fornisce 4 calorie, 1 grammo di grassi fornisce 9 calorie e 1 grammo di carboidrati fornisce 4 calorie, tutte calcolate in assenza di fibre, ma se siamo in presenza di fibre Il conteggio delle calorie effettivo cambierà man mano che seguiamo una dieta, per le proteine, passeremo da 4 calorie a 3,5, grassi da 9 a 8,7 e carboidrati da 4 a 3,8.

Mangiare verdure fa ingrassare?

No, non ingrasserai se mangi verdure, ma potresti notare la sindrome dell’intestino irritabile o un maggiore gonfiore dovuto all’eccesso di gas e/o liquidi nel lume intestinale, che può comprimere la parete addominale e aumentare la circonferenza addominale e causare difficoltà digestive o anche il dolore locale, questo perché non tutte le fibre sono uguali, ricorda che ci sono fibre solubili (pectina, gomma, muco) e insolubili che assorbono acqua (cellulosa, emicellulosa, lignina), quindi hanno effetti diversi sui livelli di microbiota e produzione di gas e diversi effetti sui liquidi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here