Attenzione al Resveratrolo, ecco il potente antiossidante che si trova nei farmaci

0
82

Il resveratrolo è da anni la superstar degli integratori, con studi che dimostrano che ha un effetto quasi magico sui processi ossidativi, sulle malattie e sull’invecchiamento. In effetti, i dati della ricerca su colture cellulari e animali sono molto interessanti, ma gli studi clinici mostrano una realtà più sfumata, con risultati meno definitivi influenzati anche dalla ridotta biodisponibilità di questa sostanza.
Il resveratrolo è uno stilbene, un composto polifenolico, una delle tante molecole che le piante producono per proteggersi in situazioni di stress: lesioni, infezioni fungine o batteriche ed esposizione ai raggi UV. Il resveratrolo è liposolubile, ha diverse strutture, trans e cis, e di solito si combina con le molecole di glucosio per formare glicosidi.


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

La sua identificazione nel vino rosso all’inizio degli anni ’90 è stata di grande interesse ed è stata utilizzata per spiegare il paradosso francese secondo cui i residenti del sud della Francia avevano tassi più bassi di malattie cardiovascolari nonostante una dieta ricca di grassi saturi Consumo abituale di vino rosso ricco di resveratrolo e altri flavonoidi sono stati suggeriti come uno dei possibili fattori protettivi, dando luogo a ricerche impressionanti sul ruolo di questo composto nella prevenzione e nel trattamento di un’ampia gamma di malattie.

Quali alimenti contengono resveratrolo

Il resveratrolo è presente nell’uva, nel succo d’uva, nel vino, nelle arachidi, nel cacao e in tutte le bacche del genere del mirtillo, ovvero in varie varietà di mirtillo. Nell’uva, il resveratrolo si trova solo nella buccia e la sua quantità dipende dalla varietà, dalla superficie e dall’esposizione ai fattori di stress, in particolare alle infezioni fungine.

La quantità di resveratrolo nel vino e nelle uve utilizzate dipende anche dal metodo di lavorazione e dal processo di fermentazione: i vini rossi raggiungono un picco di circa 2,8 mg/l, mentre i vini bianchi scendono a circa 1 mg/l.Un bicchiere di vino (150 ml) è una dose molto moderata di circa 0,3-0,5 ml/150 ml.

Il resveratrolo si trova anche in quantità elevate in altri alimenti:

Arachidi: 1,8 mg/kg;
Uve nere: 8,5 mg/kg;
Cacao: 3,12 g/kg;
Mirtilli vari: I valori sono di circa 2 mg/kg.
Una pianta particolarmente ricca di resveratrolo è il poligono o poligono giapponese, un’erbaccia originaria dell’Estremo Oriente le cui radici possono contenere fino a quattrocento volte più resveratrolo dell’uva, il cui estratto secco è ampiamente utilizzato dalle Florida Consolidated Industries.

Una dieta variata, che includa un consumo moderato di vino scuro, frutti di bosco, cacao e alcune arachidi, può portare a un’assunzione costante, anche se non elevata, di resveratrolo. Forse è meglio così, poiché non sembra esserci un andamento lineare nelle risposte all’ingestione della sostanza e, se esistono, sembrano manifestarsi prima con un consumo modesto ma sostenuto nel tempo.

Effetti sulla salute

Il resveratrolo è dotato di numerosi effetti benefici per la salute; la sua assunzione, infatti, porterebbe miglioramento a diverse situazioni cliniche come ad esempio:

  1. malattie della pelle
  2. malattie cardiovascolari
  3. malattie neurodegenerative
  4. malattie autoimmuni
  5. malattie metaboliche (obesità, diabete di tipo II, steatosi epatica)
  6. malattie infettive
  7. invecchiamento
  8. malattie oncologiche

Questi effetti sulla salute sono la conseguenza delle numerose proprietà farmacologiche di cui il resveratrolo è dotato:

  • proprietà anti-aging
  • proprietà antinfiammatorie
  • proprietà antiossidanti
  • proprietà antiaterogene
  • proprietà antimicrobiche
  • proprietà antirumorali
  • proprietà cicatrizzanti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here