Cibi in frigo scaduti? Attenzione a questi animaletti quasi invisibili

I cibi in frigo scaduti possono essere contaminati da batteri e per questa ragione rischiosi per la salute. Se si mangia cibo scaduto può succedere che si abbia vomito, diarrea, gonfiore, sintomi influenzali o infezione più gravi. Quali alimenti si possono mangiare dopo la data di scadenza e quali vanno evitati? Nelle prossime righe proveremo a rispondere a queste domande.

Cibi in frigo scaduti: attenzione a batteri e parassiti

Cosa succede a mangiare cibi scaduti è un quesito che ci siamo posti tutti prima o poi. Dopo un weekend fuori città o una vacanza al mare, può succedere di rientrare a casa e guardare dentro il frigo, in cerca di alimenti non scaduti da addentare. Prima di capire quale cibo può essere mangiato anche se scaduto, è importante chiarire una cosa. Quando sull’etichetta di un alimento c’è scritto “da consumarsi preferibilmente” cosa vuol dire?

Da consumarsi entro” è una dicitura che troviamo spesso sugli alimenti. Non è un suggerimento, ma non imperativo che, se scaduto, quel cibo potrebbe fare male e comportare una serie di sintomi più o meno gravi. “Da consumarsi preferibilmente entro” significa che quell’alimento può essere mangiato anche pochi giorni dopo la scadenza, ma non è certo che le sue proprietà nutritive siano rimaste integre.

Mangiare cibi scaduti in frigo: i sintomi

I sintomi provocati dal mangiare cibi scaduti in frigo variano a seconda della tipologia dell’alimento. Alcuni prodotti sono più rischiosi per la salute di altri. Scopriamoli insieme.

  • Frutta ricca di fibre e antiossidanti: come fragole, mele, mirtilli e lamponi non vanno mai mangiati dopo la data di scadenza. Rischieresti d’imbatterti in un parassita molto dannoso, la cyclospora, che causerebbe gonfiore, diarrea, vomito e sintomi influenzali.
  • Succhi di frutta: le bevande a base di frutta sono spesso pastorizzate e diventano quindi più predisposte al prolificarsi di batteri e lieviti.
  • Verdure a foglia verde: quando sono scadute, sono cibi da evitare se non vorrai correre il rischio di prendere un’infezione batterica da Escherichia Coli.
  • Formaggi freschi: la probabilità che contengano il batterio Listeria aumenta se sono fatti con latte pastorizzato. Mentre i formaggi duri possono essere mangiati anche dopo la scadenza, eliminando semplicemente la parte ammuffita, quelli molli andrebbero evitati, se scaduti.
  • Salumi: Come i formaggi freschi, anche tutti i salumi, una volta scaduti, possono essere contaminati dal batterio Listeria, un parassita nocivo che può causare dolori muscolari, febbre e complicazioni alle donne incinta.

Cibi scaduti in frigo: quali si possono mangiare

Alcuni cibi scaduti in frigo, però, possono essere mangiati anche dopo diversi giorni dalla data di scadenza. La pasta, i biscotti, i prodotti in scatola, il riso e i cereali in generale. Tutti i cibi secchi, gli alimenti senza acqua o a lunga conservazione si conservano più a lungo. Nonostante questa indicazione, l’ultima parola l’avrà sempre il cibo in questione. Se, una volta aperto, l’alimento avrà un odore o un sapore sgradevole, vorrà dire che si sono sviluppati batteri o parassiti dannosi per la salute. A quel punto sarà indispensabile affidarsi al proprio buonsenso e gettarlo nei rifiuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.