Salute

Mangiare troppi cetrioli: cosa può accadere?

Il cetriolo è un ortaggio in grado di offrire molti benefici per la salute e il benessere dell’organsimo. E ha anche il vantaggio di contenere pochissime calorie. Di conseguenza, il suo consumo, anche giornaliero, è molto consigliato. Ma cosa accade al corpo se si consumano molti cetrioli? Fa bene o male abbondare con questo alimento? Lo spieghiamo nel corso di questo articolo.

Caratteristiche del cetriolo

Il cetriolo fa parte della famiglia delle cucurbitacee, nella quale rientrano anche la zucchina, il melone e l’anguria.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, l'integratore che ti fa dimagrire - 4 al prezzo di 1 e la consegna è gratuita

Assieme agli altri prodotti vegetali appena menzionati, anche il cetriolo è ricchissimo d’acqua (nello specifico, ne è composto per il 95%). Dunque idrata l’organismo in modo molto significativo.

Ciascun cetriolo è un alimento dietetico, anche perché contiene solo 12 Kcal ogni 100 grammi circa. Inoltre, ha una quantità di grassi del tutto irrilevante, quasi nulla.

I minerali contenuti da questo vegetale sono sopratutto potassio e fosforo. In più, si tratta di un ortaggio ricchissimo di vitamina C.

Benefici del cetriolo

Se consumati con una certa regolarità, i cetrioli sono in grado di offrire tanti benefit per la salute e il benessere. Infatti:

  • Possono aiutare a perdere peso, e sono consigliatissimi quando si è dieta. Anche perché, tra le altre cose, contengono l’acido tartarico, che contribuisce a rallentare l’assorbimento dei carboidrati.
  • Hanno una efficace azione rinfrescante e depurativa.
  • Aiutano a tenere a bada la pressione, e sono ottimi da consumare anche in caso di ipertensione e problemi circolatori.
  • Esercitano un’azione antiossidante, contribuendo al rinnovamento delle cellule.
  • Sono ortaggi vermifughi, dunque perfetti per chi ha la necessità di disintossicarsi.
  • Possiedono proprietà antinfiammatorie significative, grazie al fatto di contenere silicio. Per via di ciò, si rivelano molto utili nel caso di dolori articolari e di fibromialgia.
  • Aiutano a tenere a bada i valori del colesterolo cattivo.
  • Contribuiscono a ridurre l’assorbimento di zuccheri all’interno del sangue, e di conseguenza sono di aiuto a chi soffre di glicemia.
  • Grazie al fatto di contenere valori importanti di potassio, contrastano la stanchezza e la spossatezza, scongiurano i crampi, e hanno un’azione drenante e depurativa.

Mangiare molti cetrioli fa male?

Come è stato appurato nel precedente paragrafo, il cetriolo è fondamentalmente un alimento dietetico e salutare. Ma quanti cetrioli conviene consumare al giorno?

A ben vedere, non esiste una quantità precisa entro la quale è sconsigliato cibarsene. Tuttavia, dovrebbero assumere i cetrioli con moderazione coloro che soffrono di colon irritabile, e anche le persone che trovano maggiori difficoltà a digerirli (anche se, c’è anche da dire che la maggior parte degli individui li digerisce senza particolari problemi).

Infine, dovrebbero evitarli del tutto coloro che ne sono allergici.

Come mangiare il cetriolo

Il cetriolo può essere mangiato in vari modi: nelle insalate miste, nei panini, da solo condito con olio e sale, ecc.

E’ preferibile consumarlo crudo, perché così mantiene inalterate le sue proprietà nutrizionali e la sua capacità rinfrescante.

Di questo prodotto vegetale è possibile consumare anche la buccia, una volta aver lavato accuratamente tale alimento. Infatti, la sua scorza non è assolutamente dannosa, e anzi contiene molte delle proprietà nutrizionali attribuite all’ortaggio in questione.

Related posts

Tutto quello che non sapevi sul fosforo

Francesca Ricci

Le banane sono astringenti: verità o falso mito?

Dani

Dipendenza da Alcol: come riconoscerla?

Francesca Ricci