Il Giornale del Buongiorno
Salute

Sindrome di Tourette: non c’è niente da ridere!

La sindrome di Tourette è una malattia neuropsichiatrica (colpisce il cervello e il comportamento) caratterizzata dall’emissione, spesso combinata, di rumori e suoni involontari e incontrollati e da movimenti del volto e/o degli arti denominati tic.
Di solito, compare durante l’infanzia e può persistere in età adulta. In molti casi, la sindrome di Tourette è a diffusione famigliare ed è spesso associata al disturbo ossessivo-compulsivo o al disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).
La sindrome di Tourette prende il nome dal medico francese Georges Gilles de la Tourette che per primo, nel secolo scorso, ne descrisse i disturbi (sintomi) caratteristici.La sindrome di Tourette, secondo alcune ricerche, interessa lo 0,05 per cento della popolazione. Con un rapporto femmina-maschio di 4 a 1. Nella metà dei casi si accompagna a disturbi ossessivo-compulsivi. E inizia nell’infanzia con tic singoli o multipli che tendono a peggiorare col tempo. In seguito possono comparire anche problemi sonori come brontolii, sospiri rumorosi, grida e colpi di tosse. Come detto in circa il 10% (ma secondo alcune statistiche anche il 50%) delle persone si presentano anche imprecazioni immotivate e l’uso di parole sconvenienti (coprolalia).

La precisa causa della sindrome di Tourette è sconosciuta. Tuttavia, si sono fatte diverse ipotesi sull’origine della malattia:

Teoria genetica
Teoria neurologica
Teoria ambientale.

Related posts

Cibi che contengono carboidrati: ecco quelli che non ti aspetti

Dani

Mangiare kamut tutti i giorni fa bene? Ecco cosa dice la scienza

Federico Curcio

Il kiwi può sostituire le medicine? Ecco in quali casi

Federico Curcio