Dice bugie perché mangia molto: ecco cosa è successo

0
4

Il Cnr Istc francese, l’istituto di scienze e tecnologie della cognizione, ha condotto degli studi atti a dimostrare il legame tra il metabolismo e l’attitudine a mentire. Chi dice bugie dunque è perché mangia molto? Secondo gli studi sarebbe proprio così.

Metabolismo e bugie

Il Joint Research Center della Commissione Europea in collaborazione con il Gate-Lab del Cnr francese, hanno condotto delle particolati ricerche atte a dimostrare la veridicità di uno stretto legame tra il metabolismo e l’attitudine del comportamento personale a omettere la verità quando si parla.  Gli esperimenti condotto su un campione di 150 soggetti hanno dimostrato che la propensione a dire bugie dipende dai livelli di glucosio presenti nel sangue e che può essere legata all’obesità.

Chi è in sovrappeso dunque tende a essere più bugiardo? Così parrebbe da quello che sostengono i ricercatori, per cui la patologia può influenzare i processi cognitivi. La tendenza all’obesità deriva dall’interazione tra aspetti neuronali, metabolici e comportamentali, ma questo non avviene in maniera casuale. Per cui, per dimostrare e dare atto a determinate convinzioni, è stato condotto un esperimento del tutto particolare.

L’esperimento condotto

I ricercatori hanno sottoposto il campione di persone studiate a un particolare esperimento. Ognuna di loro aveva in mano un bicchiere chiuso con dentro un dado a tre facce, ognuna di colore diverso. I partecipanti dovevano tirare il dado e, in base al colore uscito, avrebbero ricevuto delle monete, in numero maggiore, minore o nullo.

Metà delle persone hanno tirato il dado prima di fare colazione, le altre dopo averla fatta. Solo i partecipanti potevano vedere il colore del dado e riferirlo agli esaminatori, quindi potevano barare. Più dell’80% delle persone obese hanno mentito. Le persone con normale indice di massa corporea sono invece state quasi tutte oneste, soprattutto le donne.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here