La pianta che elimina l’umidità: ecco come combattere la muffa dentro casa

0
77
La pianta che elimina l'umidità

Esiste un modo per combattere e prevenire l’acqua nell’aria all’interno della casa, stiamo parlando proprio della pianta che elimina l’umidità. I problemi dentro la propria dimora sono all’ordine del giorno, tra quelli a cui serve rivolgersi ad uno specialista e tra quelli che possiamo risolvere da soli con le nostre mani e l’aiuto di qualche consiglio. Vi siete accorti della comparsa di condense e muffe agli angoli delle stanze o nel vostro bagno durante la stagione invernale?


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

Con l’avanzamento del periodo più rigido dell’anno sono sempre più presenti questi ostacoli. In questo caso vi vogliamo consigliare una pianta che possa fare al caso vostro, così da non dovervi più preoccupare di alcune condizioni climatiche della vostra casa. In aggiunta, questa non ha neanche bisogno di luce diretta del sole, così da non dovervi preoccupare di prestare troppa attenzione a dove posizionarla. Adesso vi spiegheremo tutto nei dettagli.

Ecco la pianta che elimina l’umidità

La muffa è proprio causata dalla troppa umidità presente nell’aria, infatti la maggior parte delle volte la troviamo proprio in bagno, vicino alla doccia o alla vasca. Noi vi vogliamo consigliare:

La pianta che elimina l'umidità

La Calatea: fa parte della famiglia delle Marantaceae ed in molti la coltivano e l’utilizzano. Ha molte funzioni, come vi abbiamo detto fino ad ora, vi è quella di essere in grado di assorbire l’umidità. È una pianta tropicale, e proprio grazie a questo che rende l’aria molto più secca. Necessita davvero pochissime cure, infatti non ha assolutamente bisogno di essere esposta ai raggi del Sole diretti, vivendo perfettamente nei luoghi bui. Non soffre neanche il freddo e quindi sopravvive perfettamente alla stagione invernale, in aggiunta non necessita di molta acqua e state tranquilli che non appassirà. Ovviamente durante l’estate e la primavera dovete annaffiarla molto più spesso a causa dell’aria molto secca e quasi asfissiante. Evitate i ristagni, poiché questi non fanno assolutamente bene alla pianta, causando malattie o al marcimento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here