Come non annerire la frutta tagliata: ecco il trucco della nonna

Quando parliamo di frutta dobbiamo sempre tener a mente come riuscire a mantenerla in ottimo stato una volta che la tagliamo. Sappiamo che la frutta, una volta tagliata, subisce un processo naturale di ossidazione che la fa diventare nera all’esterno e crea un sapore piuttosto sgradevole se la ingeriamo. Ma ci siamo mai chiesti come evitare o rallentare questo processo?

Quali frutti anneriscono prima? 

Ahimè qualsiasi frutto, una volta tagliato, annerisce prima o poi. Ci sono alcuni tipi di frutta che, una volta sbucciata, si annerisce per effetto dell’ossidazione che viene a contatto con la polpa. Ma possiamo fare una piccola classifica dei frutti più mangiati, che anneriscono più lentamente rispetto agli altri: tra questi possiamo citare le arance, mandarini e limoni, ma anche pesche ed albicocche. Sempre lente ad annerirsi sono l’ananas, il kiwi, papaya, avocado e cocco.

Quali rimedi posso usare? 

Possiamo rallentare il processo, come? Adoperiamo il “metodo della nonna”, facile da applicare, utilizzando alimenti che teniamo a portata di mano. Il primo metodo da prendere in considerazione è quello di tagliare la frutta per poi immergerla nell’acqua e limone: il limone è l’elemento principale, poiché riesce a “succhiare” l’ossigeno presente e permette il rallentamento del processo. Ma se non siamo dei grandi amanti del limone e del suo sapore così aspro? Ecco che presentiamo un’altro metodo: basta semplicemente immergerle nell’acqua. Ricordiamo che la causa principale dell’ossidazione è l’esposizione all’aria. La tecnica più semplice e più “pulita” è quella di tagliare le fette del nostro frutto per poi immergere semplicemente in una vaschetta piena d’acqua. Ma se stessimo facendo della macedonia e volessimo alterare in qualche modo il suo sapore? Possiamo anche adoperare l’ennesimo metodo che presentiamo: al posto di mettere del limone possiamo mettere l’arancia. Questo frutto è un anti ossidante naturale che può benissimo sostituire il limone. Possiamo spremere un arancio e versarlo nella nostra ciotola di macedonia prima di servirla. Il succo d’arancia conserva la frutta a pezzi e mantiene intatto il colore e ne risalta persino il gusto.

Come posso conservare la frutta? 

Semplicemente basta immergerla in un contenitore d’acqua per poi riporla in un posto freddo come il frigo, magari coprendola con della pellicola o mettere la frutta tagliata semplicemente in un contenitore termico, affinché possa raffreddarsi e mantenere la sua temperatura. Al massimo possiamo aggiungere qualche goccia di limone nel nostro contenitore. Possiamo anche congelarle se non dobbiamo consumerle nell’immediato. Tutto ciò mantiene il sapore del nostro frutto intatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.