Cosa succede a chi fuma con il colesterolo alto? Attenzione, ecco le conseguenze

Purtroppo, il fumo è ancora un’abitudine comune, ed è ormai risaputo che provoca molte malattie nel nostro corpo. In particolare, è causa di eventi cardiovascolari. Ma quanto è dannoso il fumo per noi? Quali sono i vantaggi del non fumare mai? Il fumo ha un effetto negativo sulla parete interna dei vasi sanguigni, sulla coagulazione del sangue, sull’infiammazione e sulla discinesia vascolare. Alcuni effetti sono completamente o parzialmente reversibili, ma il danno alla parete dei vasi sanguigni che porta alla formazione della placca aterosclerotica non è una malattia completamente reversibile. Quindi si può dire che anche se smetti di fumare, il danno al tuo cuore non sarà mai lo stesso di qualcuno che non ha mai fumato.

Non solo sigaretta
Il tabacco è dannoso a prescindere dalla tipologia, pertanto lo sono anche le cosiddette sigarette leggere, le sigarette dotate di filtro, il sigaro e la pipa. L’aumento del rischio è tanto maggiore quanto maggiore è il consumo di tabacco, ma non c’è un limite inferiore sotto al quale possiamo dire di poter stare tranquilli.

Il fumo passivo
Anche l’esposizione al fumo passivo non è salutare: stare accanto a un fumatore mentre fuma aumenta nel tempo il rischio per cuore e vasi. La riduzione del fumo di sigaretta (e di altri tipi di tabacco) nell’ambiente in cui si trascorre molto tempo dà, infatti, grandi benefici per la salute.

Quali sono i vantaggi del non fumare mai?

Il fumo ha un effetto negativo sulla parete interna dei vasi sanguigni, sulla coagulazione del sangue, sull’infiammazione e sulla discinesia vascolare. Alcuni effetti sono completamente o parzialmente reversibili, ma il danno alla parete dei vasi sanguigni che porta alla formazione della placca aterosclerotica non è una malattia completamente reversibile, quindi si può dire che anche se smetti di fumare, non danneggerà mai il tuo cuore come qualcuno che non fuma.

Curiosità

Le sigarette elettroniche

La sigaretta elettronica è un dispositivo che vaporizza un liquido a base di nicotina che può essere aspirato. Non contiene le sostanze chimiche nocive presenti nel tabacco quindi è meno dannosa per l’organismo di una sigaretta tradizionale. Queste sigarette possono essere uno strumento utile per smettere di fumare e sembrano avere un’efficacia simile ai cerotti transdermici di nicotina. Ad oggi, però, non ci sono ancora osservazioni nel lungo periodo per poter valutare il loro impatto sulla salute.

Non solo fumo

Oltre a smettere di fumare è importante intervenire sullo stile di vita in modo da ridurre i principali fattori di rischio per l’aterosclerosi e per il cardiovascolare: il colesterolo alto, la pressione alta, l’obesità e il sovrappeso.

Ovviamente va sottolineato che le farine ei derivati ​​raffinati, privi di colesterolo, possono essere facilmente consumati perché il loro consumo non aumenta i livelli di colesterolo nel sangue. Per controllare il colesterolo, la dieta deve essere innanzitutto sobria e non eccessiva, quindi è necessario calibrare il consumo di prodotti raffinati in base al fabbisogno energetico dell’organismo per evitare eccessi. Se aggiungiamo molti derivati ​​del grano, come prodotti da forno (biscotti, brioches, merendine, ecc.), aggiungiamo spesso grassi animali (burro, strutto, ecc.) o uova, e anche grassi vegetali idrogenati, capiamo come il consumo di alimenti come la pasta e il pane vada comunque limitato e controllato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *