Mangiare carciofi tutti i giorni: cosa succede a colesterolo e glicemia

0
90
carciofi

I carciofi sono una preziosa fonte di sali di potassio e di ferro. Contengono un principio attivo, la cinarina, che favorisce la diuresi e la secrezione biliare. Sono importanti per la depurazione dei reni, l’abbassamento della pressione sanguigna e la lotta alla cellulite
Il carciofo è un alimento che ha anche un effetto positivo sul sistema cardiovascolare perché è un alimento ipocolesterolemizzante. Per la presenza di inulina, il consumo di carciofi, in particolare le foglie e gli estratti, si è dimostrato efficace nell’abbassare il livello di colesterolo cattivo nel sangue, aiutando a prevenire le malattie cardiovascolari. Inoltre, i carciofi sono in grado di abbassare i livelli di trigliceridi. I carciofi sono uno degli alimenti più consumati in questo periodo, ma cosa succede se iniziamo a mangiarli quando abbiamo il colesterolo alto? Risolverà il nostro problema? In questo articolo scopriremo insieme cosa influisce sul colesterolo mangiando almeno tre tipi di carciofi.
I carciofi sono molto ricchi di proprietà e molto importanti per il nostro organismo, ma possono abbassare il colesterolo? Negli studi sul tema della prevenzione del colesterolo, viene avvalorato il fatto che ci siano alcuni alimenti che combattono il colesterolo, e uno di questi sono i carciofi. Sono utili per disintossicare il nostro organismo e purificare il colesterolo cattivo. I carciofi, infatti, sono stati uno dei primi alimenti studiati per i loro effetti depurativi del colesterolo.


Talky Music è un sito web di informazione inserito in Google News con notizie aggiornate 24 ore su 24

Il suo effetto diuretico non è immediato, ma si manifesta solo dopo pochi giorni. Inoltre è un ottimo antiossidante in quanto rallenta l’invecchiamento cellulare e migliora l’aspetto della nostra pelle, mantenendola giovane e soda a lungo. È importante sottolineare che non si mangia troppo questo alimento, perché al contrario può causare problemi intestinali, forti gas e dolori addominali. Consultare sempre un medico se sorgono problemi dall’ingestione.

In generale, il modo migliore per beneficiare della qualità del cibo è includerlo nella dieta quando è di stagione. Gli integratori possono essere un valido aiuto quando per qualche motivo la dieta è insufficiente a soddisfare i bisogni dell’organismo, ma non dovrebbero essere il mezzo principale per ingerire i nutrienti. Nel caso dei carciofi la stagione inizia in autunno e termina in primavera, i mesi per introdurlo nella propria dieta vanno da novembre a tutto il mese di aprile.

Meglio mangiare i carciofi crudi

Per sfruttare appieno tutte le qualità dei carciofi, è meglio mangiarli crudi. Ovviamente devono essere molto freschi e morbidi e devono scaldare il cuore. Subito dopo averli lavati e tagliati a listarelle molto sottili, metteteli a bagno in acqua e succo di limone (va bene anche arancia o melograno) per evitare che si scuriscano e per dare loro anche un aroma più gradevole.

Scolare e condire con olio extravergine di oliva, succo di limone, arancia o melograno (a seconda del gusto e della stagione), un pizzico di sale e pepe. Naturalmente i carciofi sono ottimi anche in cucina e sono ottimi per molte ricette, soprattutto come contorno e condimento salato per pasta, riso o altri primi a base di cereali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here