Cosa accade a chi mangia ogni giorno zucchero di canna: ecco le conseguenze

È risaputo che mangiare molto zucchero non fa bene all’organismo, ma qual è la differenza tra zucchero normale e saccarosio, e che danno fa quest’ultimo al nostro organismo? Recentemente, il saccarosio è stato usato molto più ampiamente, forse nel tentativo di sostituire lo zucchero normale con esso. È risaputo che lo zucchero in realtà fa male al nostro organismo, soprattutto se consumato in grandi quantità.

In effetti, l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda non più di 6 cucchiaini al giorno. Non è facile se pensiamo alla grande quantità di zuccheri aggiunti che ci aggiungiamo durante la preparazione di alcuni cibi e durante il processo di stagionatura.

Questo è il motivo per cui molte persone possono decidere di passare al saccarosio nella speranza che sia più salutare per il nostro organismo. Ma è davvero così?

I danni che lo zucchero di canna provoca al nostro organismo

Il saccarosio non è altro che saccarosio, che è lo zucchero prodotto dalla lavorazione della canna da zucchero (Saccharum officinarum). Lo zucchero bianco, invece, deriva dalla lavorazione della barbabietola da zucchero (Beta vulgaris).

Pertanto, per ottenere il saccarosio, gli steli delle piante vengono indeboliti dall’uso di macchine e il risultato è uno sciroppo scuro. Perché questo colore? Perché contiene vitamine del gruppo B e PP, ferro, calcio e acidi organici oltre al saccarosio. Tutte le sostanze che gli conferiscono questo colore intenso. Al termine del processo, il liquido estratto con il nome di “melassa” viene raccolto, selezionato e centrifugato per estrarre solo saccarosio.

Esistono due diversi tipi di zucchero di canna. I cereali integrali non sono raffinati, quindi stai lontano dallo zucchero normale. Lo zucchero greggio, che subisce lo stesso processo di raffinazione dello zucchero convenzionale, è indistinguibile da quest’ultimo, anche se con un colore più scuro. Anche il numero di calorie contenute non era significativamente diverso. Nello zucchero bianco sono 390 per 100 grammi, e nella stessa quantità di saccarosio sono 36°.

Pertanto, attira immediatamente l’attenzione sul fatto che non vi sono differenze sostanziali tra zucchero convenzionale e saccarosio. Ciò è stato confermato anche dalla biologa nutrizionista dott.ssa Francesca Evangelisti, la quale ha osservato che sebbene il saccarosio fosse intatto, non vi erano differenze significative tra le due varietà. Quindi entrambi gli zuccheri sono dannosi perché richiedono molta insulina per abbassare la glicemia, il valore della glicemia nel sangue aumenta dopo l’ingestione, quindi se stai pensando di iniziare il saccarosio, si spera che sia meno dannoso del normale Hai un granchio. Come puoi vedere, nessuno dei due è raccomandato per un uso intenso, soprattutto per le persone con diabete e iperglicemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.