Come bere acqua per abbassare la pressione: conoscevi questo trucco?

Una corretta idratazione rappresenta uno dei fondamenti principali per garantire un adeguato stato di salute all’organismo, del resto il corpo umano è formato dal 65 % circa di acqua, e la maggior parte dei processi digestivi, di crescita e di smaltimento delle “scorie” necessita proprio di questo fondamentale composto chimico, formato da due particelle di idrogeno legate ad una di ossigeno.

Il costante fabbisogno di acqua non permette ad un organismo umano di sopravvivere più di 3-4 giorni senza bere, un lasso di tempo decisamente risicato, anche perchè il sistema di raffreddamento del corpo utilizza il sudore per mantenere una temperatura adeguata.

Ipertensione

Con il termine ipertensione (detta anche pressione alta) si fa riferimento ad una tendenza dell’organismo che evidenzia per l’appunto una pressione arteriosa superiore rispetto alla media. Questa può essere causata da fattori genetici, età, ma anche alimentazione e più in generale stile di vita. L’ipertensione è strettamente correlata alla salute dell’apparato cardiocircolatorio e se non opportunamente gestita può portare a problemi anche gravi al cuore.

acqua abbassare pressione

Si tratta di un disturbo molto comune nei paesi sviluppati e anche in quelli in via di sviluppo, ad esempio in Italia circa il 30 % degli adulti ne soffre, spesso anche senza saperlo.

Come bere acqua per abbassare la pressione: conoscevi questo trucco?

Un corretto consumo di acqua, unito ad uno stile di vita adeguato, è essenziale per “tenere a bada” la pressione alta: un livello di idratazione adeguato aiuta lo stato di salute del cuore e delle arterie e contribuisce a rendere il sangue più fluido, aiutando a combattere l’ipertensione arteriosa lieve.

Il “trucco” è semplice, e consiste nel bere acqua a “intervalli regolari”, sopratutto dopo i pasti, per tutto il corso della giornata per un apporto minimo di 1,5 litri al giorno.

Per chi soffre di ipertensione arteriosa risulta particolarmente indicata l’acqua oligominerale o leggermente mineralizzata con residuo fisso compreso tra 50 e 500 mg/l.

In tal senso anche la comune acqua di rubinetto va più che bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.