Cosa succede a chi mangia la mozzarella con il colesterolo? Ecco le conseguenze

Tenere a bada il colesterolo “cattivo” è una sorta di priorità per una cerchia sempre più larga di persone al mondo, che per svariate motivazioni devono per forza di cose adattare la proprie abitudini ad una dieta particolare. Il colesterolo, com’è noto, è un lipide che è presente naturalmente nell’organismo umano, prodotto dal fegato ed adibito alla produzione di ormoni steroidei e della bile, necessaria per il processo digestivo.

Con il termine colesterolo in ambito comune solitamente si intende quello “cattivo”, ossia il LDL che si frappone a quello “buono”, definito HDL. Un eccesso del primo tende ad accumularsi nelle arterie, il secondo invece ne limita la comparsa.

Dieta colesterolo

Abbiamo già trattato gli effetti del colesterolo alto, esaminando anche le cause: si va dalle predisposizioni genetiche ed ereditarie, allo stile di vita, alimentazione compresa, anche se solo il 20 % del colesterolo alto è direttamente causato dal cibo che immettiamo nel corpo.

Solitamente per chi soffre di questa predisposizione sono consigliate diete povere di grassi, che non prevedono formaggi, uova e latticini in generale, favorendo invece il consumo di cereali, legumi e prodotti facilmente assimilabili dall’organismo.

Cosa succede a chi mangia la mozzarella con il colesterolo?

La mozzarella, uno dei cibi più caratteristici e tipici del nostro paese, prerogativa del Mezzogiorno, non è assolutamente un alimento “proibito” per chi soffre di colesterolo alto: nonostante sia molto nutriente (è fonte di calcio, sodio, potassio, zinco e magnesio), ha un apporto di grassi che non supera il 25 % e una “carica” di colesterolo che si aggira sui 50-55 mg per ogni 100 grammi di prodotto.

Trattandosi di un alimento molto versatile, è possibile consumarla fino a 2-3 volte alla settimana anche per chi soffre di colesterolo alto senza incappare nei sintomi tipici che porta questa condizione, senza particolari predilizioni tra quella di bufala e quella di vaccino, ad esempio.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.